La pausa pranzo è un momento molto importante della giornata lavorativa. Permette sia ai dipendenti, sia ai dirigenti, sia ai lavoratori indipendenti di riposare, staccare e affrontare la seconda parte del giorno con nuova energia e nuove idee.

Ma per i titolari e per i datori di lavoro di piccole e medie imprese si presenta un dilemma riguardante la pausa pranzo: come riuscire con budget ristretti a soddisfare le esigenze alimentari dei propri dipendenti?

Nei prossimi paragrafi ti spiegheremo come risparmiare sulla pausa pranzo dei tuoi dipendenti e allo stesso tempo accontentare tutte le loro richieste e necessità migliorando il loro work-life balance e quindi la loro produttività.

Perché un datore di lavoro dovrebbe prestare attenzione alla pausa pranzo dei dipendenti?

L’alimentazione è fondamentale per il benessere sia fisico che mentale. Mangiare velocemente e pasti non sani però non ha effetti negativi solo sulla salute del lavoratore ma anche sulla sua motivazione e sulla sua produttività.

Tenendo abitudini alimentari scorrette si incorre in rischi non indifferenti. Ad esempio la riduzione dell’attenzione, una maggiore propensione agli errori e una minore disposizione al compromesso con i colleghi. In generale, una buona pausa pranzo può migliorare decisamente le performance dei dipendenti.

Per questo motivo i datori di lavoro, e tutte le figure responsabili del personale all’interno di un’azienda, dovrebbero prestare massima attenzione ad appagare se stessi e i propri lavoratori per quanto riguarda la pausa pranzo, gli snack e in generale l’alimentazione.

Ovviamente, come accennavamo, i dirigenti devono considerare anche il budget. Per conciliare queste necessità ci sono alcune soluzioni defiscalizzate tra cui è possibile scegliere e che è bene conoscere.

Continua a leggere per 2 alternative sane per la pausa pranzo che ti faranno risparmiare e scrivici a toppartners.it per i preventivi gratuiti.

Una pausa pranzo all’insegna del risparmio e del cibo sano con il distributore automatico Foorban

Foorban Fridge è un innovativo distributore automatico di pasti pronti e snack sani ma allo stesso tempo gustosi e convenienti.

L’offerta comprende l’installazione di un frigo in ufficio a cui tutti i lavoratori avranno accesso tramite un QR code. All’interno del frigo ogni settimana si trovano pasti completi diversi formulati e preparati da chef nutrizionisti.

Questa opzione riesce a soddisfare anche i palati più esigenti e tutti i tipi di diete. Per questo motivo può essere anche un’ottima soluzione da offrire ad eventuali clienti che si trovano in ufficio durante il momento del pranzo.

Foorban è caratterizzato da:

  • Qualità: tutti i piatti di Foorban sono cucinati con ingredienti di qualità e rispettando i principi di una sana alimentazione. I piatti unici che si possono acquistare quindi sono sempre pensati secondo stagionalità, freschezza e gustosità.
  • Sostenibilità: Foorban inoltre si impegna per rendere sostenibili tutti i suoi piatti. Infatti il packaging è totalmente riciclabile o addirittura compostabile. In più, per contrastare lo spreco di alimenti, Foorban ha stretto collaborazioni importanti con Too Good To Go e dona le rimanenze al Banco Alimentare. Scegliere Foorban significa anche migliorare sensibilmente l’immagine aziendale e ridurre l’impatto ambientale dell’azienda.

I buoni pasto per una pausa pranzo defiscalizzata

Quando l’azienda non è tenuta ad avere una mensa interna, una delle opzioni che si presenta ai datori di lavoro è l’erogazione di buoni pasto. Questi sono dei voucher che permettono ai lavoratori di comprare pasti veloci o generi alimentari in supermercati, bar, ristoranti ed altri esercenti convenzionati.

Erogare buoni pasto per un’azienda significa prima di tutto un alto tasso di soddisfazione dei lavoratori. I buoni pasto infatti sono tra i benefit più richiesti e più apprezzati proprio per la loro flessibilità. Secondariamente non bisogna sottovalutare l’aspetto economico. Questi voucher sono infatti soggetti ad una tassazione di favore non essendo considerati come reddito da lavoro dipendente ma solo un’integrazione ad esso.

Di seguito i limiti e le regole sulla defiscalizzazione dei buoni pasto per aziende e possessori di Partita IVA:

Per le imprese:

  • Totalmente deducibili
  • Iva a 4%

Per i liberi professionisti:

  • Iva al 10% e detraibile
  • Fino ad un massimale del 2% del fatturato, si ha la possibilità di scaricare fino al 75% delle spese.

Per saperne di più sulla tassazione dei buoni pasto leggi “Come risparmiare con i buoni pasto”.

Ma tra i tantissimi fornitori di buoni pasto trovare quello che fa al caso della propria impresa potrebbe essere una sfida. Ti forniamo di seguito tre dei migliori distributori di buoni pasto sul mercato.

Pausa pranzo con i Day Buoni Pasto

La prima soluzione sono i Day Buoni Pasto. Erogati da Up Day, questi voucher sono tra i più diffusi grazie alla loro alta spendibilità: sono infatti accettati in oltre 110.000 esercenti sparsi per tutto il territorio italiano.

Pausa pranzo con i Ticket Restaurant Edenred

Un’altra valida soluzione potrebbe essere quella di scegliere il leader di mercato Edenred che propone i famosi Ticket Restaurant. Questi sono spendibili in oltre 150.000 esercenti e godono di grande fama per essere tra i più affidabili.

Pausa pranzo con gli Yes Ticket

In ultima istanza presentiamo i buoni pasto del fornitore Yes Ticket. Nonostante sia una compagnia più recente, si sono guadagnati la loro fetta di mercato velocemente grazie alle moderne tecniche di antifalsificazione che implementano.