Buoni pasto in smart working: cosa bisogna sapere

Buoni pasto in smart working: cosa bisogna sapere

Che dice la normativa sui buoni pasto in smart working

Lo smartworking è una modalità di lavoro sempre più comune nelle aziende. Dopo che la pandemia lo ha reso obbligatorio per motivi di sicurezza, alcune aziende e alcuni lavoratori si sono resi conto dell’enorme potenziale di questo tipo di organizzazione. Ma una modifica nell’ordine prestabilito ha fatto sorgere anche delle domande che riguardano la conciliazione tra benefit aziendali e telelavoro. Tra le questioni più spinose troviamo se i buoni pasto in smart working possono essere comunque erogati.

In questo articolo, oltre a definire i pro e contro per aziende e dipendenti che usufruiscono dello smart work, vedremo cosa dice la normativa sull’erogazione di benefit come i buoni pasto ai telelavoratori.

Se stai cercando un preventivo per i migliori fornitori di buoni pasto clicca qui.

Vantaggi e svantaggi dello smart working per imprese e lavoratori

Per quanto riguarda lo smartworking quasi tutti concordano sui suoi benefici. Sia aziende che dipendenti infatti notano che un migliore life-work balance corrisponde ad una maggiore soddisfazione e un incremento della motivazione e della produttività. Tale vantaggio è sia un asset importante per le imprese che fidelizzeranno i propri dipendenti aumentando l’employee retention e riducendo l’assenteismo, sia per i dipendenti che incrementando le proprie performance aumentano le possibilità di fare carriera.

Ma i vantaggi non si esauriscono qui. Il risparmio di tempo e denaro è notevole. In primo luogo per gli spostamenti casa-lavoro (se ti sei perso l’articolo sulle novità riguardanti il mobility manager e il Piano spostamenti casa lavoro clicca qui).

Nonostante ciò, il lavoratore, se non supportato correttamente dall’azienda, può incorrere in un aggravio invece che avere un minor carico di spese. Questo perché aumentano le bollette per wi-fi, luce, gas, acqua; aumentano le spese per dotarsi degli strumenti lavorativi come pc, monitor, sedie ecc. Ma non solo, molti lavoratori non hanno lo spazio nelle loro case per gestire sia la propria vita lavorativa che quella privata. Questo è un problema consistente che le aziende devono prendere in considerazione soprattutto pensando alle fasce dei lavoratori meno abbienti.

Il telelavoro è dunque una risorsa importante per tutti ma necessita di essere ben gestita dall’azienda che deve adottare una prospettiva inclusiva. Un modo per farlo è l’erogazione dei buoni pasto. Vediamo dunque la normativa che regola i buoni pasto e smart working.

ticket restaurant elettronici ticket restaurant edenred

Buoni pasto smart working: sono compatibili?

Il ticket restaurant, cioè il buono pasto, è una misura a sostegno dei lavoratori. Permette agli stessi di poter acquistare pasti pronti e generi alimentari in tutti i negozi convenzionati tra cui ristoranti, bar, tavole calde, supermercati, ortofrutta e molto altro.

Prima della pandemia, quando lo smartworking non era ancora una prassi per la maggior parte delle aziende, la normativa buoni pasto prevedeva per il lavoratore un buono solo per ogni giorno lavorato. Questo perché i ticket buoni pasto sono un aiuto al work-life balance e quindi possono essere corrisposti solo nei giorni effettivamente lavorati. Ma quindi i buoni pasto durante lo smart working sono erogabili?

L’entrata in vigore del telelavoro da casa ha messo in dubbio la necessità del buono pasto. Questo perché si pensa che il lavoratore da casa abbia tempi organizzativi più liberi. Ciò però non esattamente vero. Infatti lo smart working, nella maggior parte dei casi, prevede che il dipendente segua comunque l’orario lavorativo prestabilito e quindi abbia gli stessi vincoli di quando il lavoro viene svolto in ufficio.

L’Agenzia delle Entrate ha, seguendo questo principio, deliberato (rispondendo all’istanza di interpello n.123/2021) che il buono pasto va erogato anche a chi fa smart work. Questo ovviamente se non esistono altre disposizioni che non lo consentono.

La chiarificazione da parte dell’Agenzia delle Entrate sullo smart working e buoni pasto è fondamentale perché in questo modo le aziende hanno una direzione sicura da prendere in materia di benefit. Inoltre così non si è andati incontro al paradosso che vede il lavoratore percepire il buono pasto solo quando è in ufficio e non negli altri giorni. Tale situazione avrebbe disincentivato lo smart working mentre questa soluzione è assolutamente vantaggiosa sia per dipendenti che per le aziende.

ticket restaurant elettronici ticket restaurant edenred

A chi non spetta il buono pasto

Conseguentemente alle disposizioni normative che confermano smart working buoni pasto, vediamo invece che i ticket restaurant non possono essere corrisposti quando non sussiste la giornata lavorativa. In questo senso i lavoratori in ferie, in malattia o che hanno preso un permesso non hanno diritto al buono pasto. A questa lista si aggiungono i lavoratori in aspettativa, in cassa integrazione o che scioperano.

Per un preventivo gratuito sui migliori fornitori di buoni pasto, o per maggiori informazioni clicca qui.

Ticket Restaurant Elettronici: i buoni pasto migliori

Ticket Restaurant Elettronici: i buoni pasto migliori

I Ticket Restaurant Elettronici sono i buoni pasto del fornitore Edenred, leader nel settore dei servizi per imprese, liberi professionisti e ditte individuali. Attraverso l’erogazione di servizi sostitutivi di mensa di qualità e molto altro Edenred si è stabilita tra le top aziende in questo mercato.

In questo articolo parleremo dei Ticket Restaurant, della normativa che regola i buoni pasto e dei vantaggi per lavoratori, aziende e possessori di partita iva.

 

Per richiedere un preventivo gratuito sui ticket edenred elettronici clicca qui.

Cosa sono i Ticket Restaurant

I Ticket Restaurant sono dei voucher che fungono da servizio sostitutivo di mensa. Quando le aziende non hanno la possibilità di avere un servizio di mensa interno, possono decidere di erogare un’indennità in busta paga ma ciò ha dei costi molto alti.

Come alternativa esistono i buoni pasto. Questi voucher edenred restaurant infatti hanno una normativa fiscale che li rende nettamente più convenienti di un aumento in busta paga.

Anche per le ditte individuali e per i liberi professionisti i buoni pasto hanno enormi vantaggi. In primo luogo il risparmio notevole e poi la gestione più semplice delle spese relative all’acquisto di alimenti.

I buoni pasto possono essere erogati o comprati in due versioni: quella cartacea e quella elettronica. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di ognuno.

1) Buoni Pasto Elettronici

I Ticket Restaurant Elettronici vengono distribuiti come una tessera con microchip simile ad una carta di credito. In alternativa esistono anche quelli fully digital che vengono caricati direttamente sul cellulare.

Molti optano per questa opzione perché il tetto massimo di esenzione per ticket è di 8 euro al giorno per lavoratore.

Per richiederli clicca qui.

2) Buoni Pasto Cartacei

I Ticket Restaurant Cartacei sono distribuiti come un carnet di biglietti in carta che vanno strappati e usati all’occorrenza.

Al giorno d’oggi la richiesta per i ticket cartacei è diminuita perché è diminuita anche la soglia di esenzione (4 euro al giorno per lavoratore).

Per richiederli clicca qui.
ticket restaurant elettronici ticket restaurant edenred

Ticket Restaurant Elettronici per le aziende

Per le aziende i vantaggi sono innumerevoli. A partire dal fatto che i buoni pasto possono essere inseriti come benefit in politiche di fidelizzazione, di employer branding e di marketing. I buoni pasto sono infatti tra i benefit più richiesti dai lavoratori e tra i più apprezzati. Ricordiamo che i buoni pasto possono essere erogati ai lavoratori in smart working ma non ai lavoratori in ferie o in malattia.

Per maggiori informazioni su a chi spettano i buoni pasto leggi qui.

Inoltre l’acquisto di tali buoni per le aziende è agevolato a livello fiscale. L’IVA sui buoni pasto è infatti 100% detraibile e agevolata al 4%.

Ticket Restaurant Liberi Professionisti e Ditte individuali

Per quanto riguarda Ditte Individuali e Liberi professionisti la normativa sulla detrazione fiscale varia da quella per le aziende. In queste situazioni infatti l’IVA resta al 10% ma si potranno dedurre tutte le spese effettuate per i buoni pasto al 75%. Questo però fino ad un massimo del 2% del fatturato annuale.

Da menzionare anche la semplificazione delle pratiche amministrative e della riduzione del carico di lavoro di gestione delle fatture e degli scontrini emessi per la pausa pranzo o per altri pasti principali.

Ticket Edenred Restaurant per i dipendenti

I dipendenti che ricevono i ticket edenred restaurant sono più motivati e più produttivi. Anche le performance saranno migliori. Da considerare poi il risparmio di tempo: i lavoratori con i buoni pasto hanno un work-life balance più positivo e in generale sono più felici. Durante la pausa pranzo sarà possibile rilassarsi e godersi del momento di pausa con i colleghi mangiano dei pasti salutari e nutrienti.

ticket restaurant elettronici ticket restaurant edenred

Tutti i vantaggi dei Ticket Restaurant Elettronici

I principali vantaggi:

  • Deducibili al 100% per aziende con IVA al 4%;
  • Deducibili al 75% per p.iva a regime ordinario;
  • Ottimo per politiche di miglioramento dell’immagine aziendale;
  • Non c’è un quantitativo fisso per l’ordine;
  • Non c’è vincolo di riacquisto;
  • Disponibile in versione cartacea ed elettronica;
  • 000 locali convenzionati;
  • Unica fattura per le spese;

Ticket restaurant dove spenderli

Nello specifico poi i Ticket di Edenred sono tra i più accettati in Italia. Possono essere usati in oltre 150.000 esercenti convenzionati tra tavole calde, bar, agriturismi, supermercati, mercati e molto altro.

Tra i supermercati convenzionati con Edenred più famosi sono: Coop, Esselunga, Roadhouse, Il gigante, Carrefour, Burger King, Autogrill ecc.

Come ordinare ticket edenred

I Ticket Restaurant Edenred sono facilissimi da ordinare. Basterà cliccare qui, compilare il form e attendere. In poco tempo tu o i tuoi dipendenti potrete godere di tutti i vantaggi dei buoni pasto.

I buoni pasto convengono? La parola al commercialista

I buoni pasto convengono? La parola al commercialista

I buoni pasto sono davvero la soluzione perfetta per le aziende che vogliono risparmiare sulla pausa pranzo e allo stesso tempo fidelizzare i propri dipendenti? Valgono anche per i dipendenti in smartworking?

Abbiamo chiesto di rispondere alle principali domande sui ticket restaurant per la pausa pranzo allo studio di commercialisti SBC, leader nella consulenza personalizzata per imprenditori.

Continua a leggere per scoprire tutta la normativa sui buoni pasto, perché sono veramente convenienti.

Cosa sono i ticket pasto?

I buoni ticket per la pausa pranzo sostituiscono l’indennità di mensa dei dipendenti. Sono quindi dei voucher defiscalizzati che le imprese e i liberi professionisti possono acquistare per se stessi, per i propri collaboratori o in caso dipendenti.

Tali ticket restaurant non hanno solo vantaggi fiscali, che esploreremo nel dettaglio nei prossimi paragrafi grazie all’aiuto dello studio commercialista SBC. Ma hanno anche vantaggi in materia di employer branding, immagine aziendale, fidelizzazione dei dipendenti e molto altro.

buoni pasto elettronici ticket restaurant edenred

La convenienza dei buoni pasto: la parola al commercialista

Per capire se i buoni pasto convengono davvero per aziende e possessori di partita iva abbiamo chiesto allo studio commercialista SBC di riassumere i benefici del buono pasto elettronico e cartaceo.

Lo studio SBC è uno studio di commercialisti altamente competenti che non si limita a fornire servizi personalizzati. Questo studio ascolta attivamente le esigenze degli imprenditori e li supporta nel percorso di crescita della propria attività. Per richiedere una consulenza amministrativa e gestionale clicca qui.

Normativa: i vantaggi fiscali dei ticket restaurant

La norma di riferimento è la numero 51 del TUIR, nella quale viene specificato che tutto ciò che è una retribuzione, anche diversa da quella in denaro, deve essere tassata in busta paga se il datore di lavoro la elargisce al dipendente. Esistono, però, alcune deroghe, tra cui la disciplina dei buoni pasto che, per essere deducibili, devono avere determinate caratteristiche.

Il buono pasto, infatti, è deducibile fino al limite di 4 Euro se cartaceo e di 8 Euro se elettronico (il più utilizzato). È invece deducibile di 5,29 Euro nel caso in cui l’azienda è posizionata in un circondario senza la possibilità di avere una mensa diretta.

Il vantaggio dell’azienda con questo strumento non sta solo nel fatto che non viene tassato al dipendente (e quindi ha un costo intrinseco minore per l’azienda e per il dipendente), ma anche l’iva per il buono pasto è del 4%, contro il 10% che si paga sulla somministrazione diretta al bar o ristorante.

buoni pasto elettronici up day

A chi spettano i buoni pasto: normativa per lo smartworking

Quali sono le particolarità dei buoni pasti rispetto all’epidemiologia Covid? Con l’emergenza sanitaria molti dipendenti di aziende lavorano da casa e la normativa, con una circolare, ha confermato che il buono pasto può essere continuamente corrisposto al dipendente in smart working.

A chi spettano i buoni per la pausa pranzo: normativa per i liberi professionisti e ditte individuali

Anche in caso di un’azienda senza dipendenti o di un professionista è possibile acquistare i buoni pasto. Anche questo strumento, infatti, è considerato come forma di pagamento in natura, diverso a quello usuale, ma comunque lecito e deducibile da parte dell’imprenditore individuale e anche per il professionista.

Se un professionista compra dei buoni pasto e li usa nel tempo vale il criterio di cassa, ovvero dal momento in cui viene acquistato e pagato un buono pasto, questo diventa deducibile.

Se invece è un’azienda che compra un buono è necessario fare un conteggio di quelli che sono i buoni residui alla fine dell’esercizio (operazione molto semplice con il formato elettronico in quanto in tempo reale l’azienda è a conoscenza di tale dato).

buoni pasto elettronici yes ticket
Se non sei sicuro che i buoni pasto siano la soluzione giusta per te e vorresti maggiori informazioni prenota la consulenza con l’esperto di SBC. Per saperne di più clicca qui.

I vantaggi dei buoni pasto elettronici per aziende e p.iva

I vantaggi dei buoni pasto elettronici per aziende e p.iva

Tutta la normativa sui buoni pasto elettronici: detrazioni fiscali, a chi spettano e i migliori fornitori

Quando la mensa interna all’azienda non è un’opzione o quando si è un possessore di una partiva iva la soluzione per risparmiare sulla pausa pranzo sono i buoni pasto elettronici. Questi ticket infatti sono pensati appositamente per l’acquisto di generi alimentari o pasti pronti in tavole calde, ristoranti e molto altro.

La peculiarità di questi ticket è la loro normativa fiscale vantaggiosa. Per incentivare una corretta alimentazione e migliorare il work-life balance dei lavoratori è stata predisposta questa soluzione defiscalizzata che ha benefici non solo per i dipendenti ma anche le imprese.

In questo articolo esploreremo tutta la normativa fiscale e tutti i vantaggi per dipendenti, imprese e p.iva.

Se hai bisogno di un preventivo gratuito per i migliori fornitori di buoni pasto clicca qui.

Cosa sono e come funzionano i buoni pasto elettronici

I ticket per la pausa pranzo elettronici sono dei titoli di pagamento emessi dai fornitori di buoni pasto ed erogati dalle aziende hai propri dipendenti, ai propri soci e collaboratori (anche i possessori di p.iva e i titolari di ditte individuali possono usufruire di questi buoni ma con degli sgravi fiscali diversi che vedremo successivamente).

I buoni pasto elettronici vengono erogati tramite una tessera con microchip che funziona esattamente come un bancomat. Il valore che l’azienda totale che l’azienda ha deciso di erogare verrà caricato sulla tessera che poi potrà essere usata per comprare beni alimentari sia in supermercati che in ristoranti o bar.

Ovviamente con i buoni pasto non possono essere acquistati generi diversi da quelli alimentari. Per esempio non si potranno acquistare prodotti per la casa o per la cura della persona con questi buoni. Per questa tipologia di prodotti servono altri ticket come ad esempio i buoni acquisto (se sei interessato a questa tipologia di ticket clicca qui).
buoni pasto elettronici up day

A chi spettano i ticket per la pausa pranzo?

I buoni pasto elettronici possono essere erogati dalle aziende praticamente a tutti i dipendenti. A prescindere dal tipo di contratto (determinato, indeterminato, apprendistato ecc) e dal cumulo di ore settimanali (full-time o part-time). Quando la loro distribuzione non è obbligata dai CCNL allora è a discrezione del titolare.

Una norma da tenere a mente però è che se i lavoratori sono part-time, i buoni pasto possono essere erogati solo e soltanto se il loro orario di lavoro comprende almeno una delle pause per i pasti più importanti (pranzo e cena) o se la distanza dalla residenza non permette al lavoratore di rientrare in tempo per consumare un pasto ad un orario accettabile.

Infine, i buoni pasto elettronici possono essere corrisposti solo per ogni giorno lavorato. In caso il dipendente sia in ferie, in maternità, in cassa integrazione o abbia preso un permesso allora il buono pasto non può essere corrisposto. Questo perché il ticket per la pausa pranzo è un sistema a sostegno del lavoratore e regola quindi l’acquisto di generi alimentati solo per il lavoratore quando è in servizio.

I benefici dei buoni pasto elettronici per le imprese e per le p.iva

Dato che la maggior parte delle aziende, soprattutto le PMI, non hanno una mensa, per risparmiare sulla pausa pranzo dei dipendenti possono erogare i buoni pasto. Al contrario di un’indennità sostitutiva questi ticket godono di vantaggi fiscali che faranno risparmiare non solo il dipendente ma anche l’azienda.

Ma i buoni pasto elettronici hanno anche altri vantaggi non fiscali per le imprese:

  1. Performance migliori dei dipendenti;
  2. Maggiore flessibilità oraria;
  3. Più soddisfazione da parte dei dipendenti;
  4. Fidelizzazione del personale;
  5. Migliora i rapporti tra i colleghi;
  6. Ottimi per politiche di employer branding.
buoni pasto elettronici yes ticket

Buoni pasto normativa IVA, esenzione fiscale e previdenziale

Per quanto riguarda la normativa fiscale dei buoni pasto elettronici dobbiamo innanzitutto parlare del tetto massimo di esenzione dei ticket. Per i ticket elettronici la soglia è stata stabilità a 8€ mentre per i cartacei a 4€ al giorno per dipendente. Stando entro questa soglia è prevista l’esenzione da oneri previdenziali e fiscali. Se il datore di lavoro eroga un contributo maggiore di queste soglie esso sarà tassato come da normativa vigente.

Il motivo per cui i ticket elettronici hanno un tetto più alto deriva dalla scelta di voler incentivare le transazioni elettroniche che sono più trasparenti e sicure. Tale scelta inoltre si inserisce nella spinta alla digitalizzazione che da anni sta trainando l’economia mondiale.

Vediamo adesso la normativa nel dettaglio per aziende e p.iva:

 

  • Normativa ticket restaurant per le aziende: per le aziende e le imprese a prescindere dalla loro dimensione e dal numero di dipendenti troviamo che i buoni pasto elettronici hanno l’IVA al 4% completamente detraibile;
  • Normativa ticket restaurant per liberi professionisti con p.iva, soci, ditte individuali e titolali: per tutte le categorie menzionate, l’IVA è al 10%. Sarà possibile inoltre detrarre il 75% delle spese e l’IVA fino ad un massimo del 2% del fatturato annuale.
  • Normativa ticket restaurant per Persone giuridiche IRES: in questo caso, per le persone giuridiche IRES i buoni pasto sono deducibili al 100%.
buoni pasto elettronici ticket restaurant edenred

Promuovere la sostenibilità aziendale con i buoni pasto

Promuovere la sostenibilità aziendale con i buoni pasto

Come migliorare l’immagine aziendale e promuovere la sostenibilità aziendale erogando i buoni pasto ai dipendenti per la pausa pranzo

Il pranzo per molti lavoratori coincide con la pausa più lunga della giornata lavorativa. Un momento quindi fondamentale per riposare e recuperare al meglio le forze e le capacità cognitive. Le aziende quindi devono prestare attenzione a rendere la pausa pranzo dei propri dipendenti rilassante e motivante. Ma le imprese possono anche trarre un altro vantaggio dalla gestione della pausa pranzo dei propri dipendenti. Infatti se vengono ideate delle iniziative per la promozione di best practices riguardanti il cibo, la salute e l’alimentazione si faciliterà la sostenibilità aziendale. Tali azioni si collocano in un’importantissima logica di employee retention e branding.

In questo articolo tratteremo il ruolo delle imprese nella promozione di uno stile di vita sano e sostenibile per i dipendenti, i vantaggi che le aziende ne possono trarre e di come l’Agenda 2030 può delineare e guidare il cambiamento.

Agenda 2030: le linee guida per un’alimentazione sostenibile

Per lottare contro la crisi ambientale e migliorare il benessere medio di tutti i cittadini del mondo, l’ONU ha delineato un documento che contiene 17 obiettivi del cambiamento. Tra questi, che spaziano dall’uso di energia sostenibile alla riduzione di Co2, troviamo il secondo SDG (Sustainable Developement Goal) che riguarda l’alimentazione.

L’interesse dell’ONU per il cibo, per l’accesso ad una alimentazione corretta e per una agricoltura sostenibile denota un problema nel nostro attuale sistema di gestione delle risorse alimentari. Infatti solo il settore zootecnico emette più Co2 di tutto il settore dei trasporti. Con il 15% delle emissioni la produzione di prodotti di origine animale quindi è uno dei maggiori responsabili dell’inquinamento del mondo globalizzato.

Ma questo non è l’unico problema con il processo di produzione e distribuzione delle risorse alimentari. Soprattutto nel nostro paese oggi vediamo alcuni segnali che destano preoccupazione: con la pandemia l’accesso a cibo salutare è diminuito, il tasso di persone obese è aumentato e gli investimenti per un’agricoltura eco-friendly sono calati.

banner sostenibilità aziendale

Perché le imprese hanno un ruolo di rilievo nel processo di sostenibilità?

Cosa possono fare le aziende per migliorare la situazione dal punto di vista dell’ambiente e dell’accesso ad un cibo di più alta qualità?

Semplice, possono implementare nei loro processi un programma di sostenibilità aziendale che verta anche sull’insegnamento di pratiche sostenibili riguardanti il cibo ai propri dipendenti. Infatti le aziende, oltre a cambiare il loro approccio alla produzione, dovrebbero instillare nelle routine dei propri dipendenti azioni sostenibili. Questo processo passa anche dall’insegnamento e dallo spingere le persone ad inserire le cosiddette best practices salutari nella loro vita.

I buoni pasto come soluzione di sostenibilità aziendale

Non tutte le aziende hanno la capacità di implementare grandi strategie per la sostenibilità aziendale e apportare grandi cambiamenti alle loro politiche e ai loro processi. Cosa possono fare le PMI in questi casi?

Approcciandosi al mondo della sostenibilità alimentare in azienda, vediamo come uno dei principali motivi per cui i lavoratori scelgono piatti non sani e decisamente non eco-friendly è la mancanza di tempo. Tempo per cucinare e tempo per godere a pieno del pasto che hanno preparato. Spesso infatti le incombenze della vita privata non permettono alle persone di mantenere uno stile di vita sano.

Questo problema è facilmente risolvibile anche dalle PMI erogando i buoni pasto. I buoni pasto sono dei voucher che permettono a chi li riceve di fare la spesa o acquistare pasti pronti da ristoranti, bar, tavole calde ecc. Eliminando la questione della mancanza di tempo, possiamo contare che i dipendenti saranno sulla buona strada per fare scelte più sane.

Questo però non è abbastanza. Infatti nonostante le aziende possano aver risolto un problema, si devono scontrare con la mancanza di informazioni e di conoscenze riguardanti il cibo. La maggior parte delle persone non è a conoscenza delle principali informazioni sull’alimentazione. Come ad esempio quali sono i macronutrienti, dove si possono trovare negli alimenti che di solito vengono consumati, l’apporto di calorie giornaliero consigliato e altro come la prevenzione di disturbi alimentari.

Le aziende quindi possono non solo lavorare sull’erogazione dei buoni pasto ma anche sull’erogazione di workshop, webinar e seminari informativi che istruiscano le persone e che le portino ad avere una coscienza alimentare sana e sostenibile.

Per i migliori fornitori di buoni pasto clicca qui.

Per i migliori fornitori di formazione aziendale clicca qui.

banner buoni pasto sostenibilità aziendale

Perché le imprese dovrebbero prestare attenzione alla sostenibilità aziendale e al benessere dei dipendenti?

La forza lavoro di un’azienda è la sua risorsa più importante. Aumentare il benessere e lo stato di salute dei propri dipendenti ha un ritorno positivo anche per l’azienda stessa. Prima di tutto perché dei dipendenti più felici sono anche dei dipendenti più produttivi, più inclini al compromesso e più fedeli all’azienda. Molti studi confermano che un lavoratore sano avrà delle performance più alte.

Inoltre, prestare attenzione alla sostenibilità aziendale significa migliorare la propria immagine aziendale. Alcuni dei benefici che scaturiscono da queste politiche sono: employee rentention, aumento dell’attrattività dell’azienda per giovani talenti, aumento di clienti e profitto, maggiore rispettabilità e reputazione.

Per saperne di più sull’importanza di fidelizzare i propri dipendenti leggi qui.

Come ben capiamo l’alimentazione e il modo in cui le aziende gestiscono la pausa pranzo sono cruciali in questo processo di sostenibilità aziendale. In questo contesto bisognerebbe attivare le politiche, di sostenibilità di cui abbiamo parlato prima, volte ad indirizzare i lavoratori verso una corretta gestione dell’alimentazione e del cibo per incrementare il loro benessere e quindi il profitto aziendale.