Buoni pasto elettronici per dipendenti in ferie

Buoni pasto elettronici per dipendenti in ferie

Si possono erogare i buoni pasto elettronici ai lavoratori in ferie? Tutta la normativa

I buoni pasto elettronici sono considerabili a pieno titolo un servizio sostitutivo di mensa. Quando l’azienda non ha disposizione un luogo adeguato per la pausa pranzo dei dipendenti e dei responsabili (ma anche dei dirigenti) e non riesce a fornire una mensa aziendale o un servizio di vitto, può ricorrere all’erogazione buoni pasto.

Questi ticket, lo scopriamo subito, possono essere forniti solo e soltanto per le giornate lavorate e quindi non a dipendenti/responsabili in ferie o in malattia o con i permessi. Inoltre il dipendente deve, per poter ricevere i buoni pasto (e l’azienda risparmiare attraverso gli sgravi fiscali) essere assunto regolarmente. Inoltre il suo orario di lavoro deve comprendere necessariamente almeno una delle pause concomitanti ai pasti principali. Ci sono altri cavilli all’interno della normativa che regola chi può ricevere i buoni pasto. Per un approfondimento leggere: “Buoni Pasto: a chi spettano”.

Inizia subito a risparmiare sulla pausa pranzo dei tuoi dipendenti e trova i migliori fornitori di buoni pasto elettronici.

banner ticket restaurant

Perché erogare i buoni pasto elettronici ai dipendenti

I buoni pasto per le aziende sono un’ottima soluzione per adempiere al servizio di sostituzione di mensa perché sono più convenienti per le aziende di un’indennità in busta paga. Sono ulteriormente utili per erogare un bonus ai dipendenti e fornire un sostegno concreto. Tali benefit sono disponibili con la tassazione di favore anche per i possessori di partita iva (basta che abbiamo il regime ordinario e non quello forfettario).

Il buono pasto serve inoltre per fidelizzare i dipendenti e portare avanti tutte quelle strategie di employee branding ed employee retention. Si potrebbe pensare anche ad una strategia che preveda i buoni pasto come premio di risultato o come incentivo per le promozioni.

Attraverso dei gesti come l’erogazione dei ticket per la pausa pranzo le aziende si dimostrano interessate al well being dei dipendenti che renderanno di più e saranno più produttivi perché avranno un life-work balance positivo. Il fatto di non dover pensare tutti i giorni al pranzo (con i buoni pasto infatti si può sia fare la spesa che acquistare pasti pronti in ristoranti, tavole calde ecc) migliorerà la vita dei lavoratori che avranno più tempo da dedicare a loro stessi, alla loro famiglia e quindi anche al lavoro. Per approfondire il tema leggi “Life work balance: come raggiungerlo”.

Buoni Pasto erogabili ai dipendenti in ferie?

La funzione dei buoni pasto è quella di dare la possibilità ai dipendenti di sostenere un’alimentazione sana durante l’orario di lavoro. Per tale motivo i lavoratori non ne hanno diritto se non sono in servizio. Tutte le persone assenti (sia che siano in ferie o che abbiano preso un permesso) non possono ricevere i voucher per la pausa pranzo. Questo significa però che i lavoratori in smart working hanno diritto ai buoni. Infatti il punto focale non è il luogo dove si presta servizio ma il fatto stesso che il dipendente sta lavorando.

I dipendenti in ferie o comunque assenti da lavoro non possono ricevere i buoni pasto, ma ciò non significa che non possono spenderli e usarli per i loro pasti. I ticket infatti sono validi su tutto il territorio nazionale (tenendo in considerazione ovviamente solo gli esercizi convenzionati). Immaginiamo che il collaboratore si trovi in un altro luogo rispetto a quello in cui solitamente risiede e lavora. In questo caso potrà consultare la lista di locali o supermercati (alcuni fornitori di buoni pasto elettronici hanno anche accordi con i maggiori servizi di delivery) convenzionati, scegliere quello che più si addice alle sue esigenze alimentari e usare i propri buoni pasto anche se non è in servizio.

banner buoni pasto yes ticket

Buoni pasto elettronici tassazione

Il Decreto numero 122 del Ministro dello Sviluppo Economico regolamenta questi servizi che sostituiscono la mensa. I buoni pasto proprio in virtù della loro funzione sostitutiva sono esenti da contribuzione INPS e godono di una tassazione di favore. Al contrario dei servizi diretti di vitto, come ad esempio la mensa aziendale, che sono totalmente esenti da tasse, i ticket restaurant hanno un tetto massimo di esenzione. Inoltre per essere esenti devono essere erogati a tutti i dipendenti o almeno a categorie omogenee degli stessi.

I tetti massimi sono:

  1. 8€ per i buoni pasto elettronici (prima era 7€)
  2. 4€ per i buoni pasto cartacei (prima era 5,29€)

La motivazione dietro alla scelta di aumentare il massimale di esenzione dei ticket elettronici e diminuire quello dei ticket cartacei riguarda la volontà di prediligere pagamenti più tracciabili e trasparenti. Infatti nonostante i buoni pasto sono nati come cartacei (e tutt’ora sono ampiamente utilizzati), le aziende e i possessori di partita iva si stanno piano piano orientando verso la soluzione più dematerializzata e più incentivata proprio perché, seguendo i massimali di esenzione attuali, ha maggiore spendibilità.

banner buoni pasto day
Buoni Pasto a chi spettano?

Buoni Pasto a chi spettano?

Lavoratori part-time, smart-working, stage, p.iva: buoni pasto normativa a chi spettano?

I buoni pasto sono dei voucher defiscalizzati che le aziende erogano e che i liberi professionisti acquisto per la pausa pranzo. I ticket restaurant sono uno strumento che aiuta concretamente i datori di lavoro, i lavoratori e i possessori di partita iva a risparmiare ma comunque fare una pausa pranzo soddisfacente e salutare. Ma i buoni pasto a chi spettano? Questa domanda ha spesso risposte confusionarie e i datori di lavoro, ma spesso anche i possessori di p.iva, possono non sapere a chi possono erogarli o se loro stessi ne hanno diritto.

In questo articolo riassumeremo la normativa che regola i buoni pasto e risponderemo alle domande più comuni. Per un approfondimento sulla normativa leggi “Detrazioni Buoni Pasto: tutta la normativa”.

Continua a leggere per sapere i buoni pasto a chi spettano e tutti i vantaggi fiscali.

Se hai bisogno di un preventivo gratuito sui migliori fornitori visita “I migliori buoni pasto”.

Buoni pasto a chi spettano?

In linea generale, i buoni pasto spettano a tutti coloro che intrattengono un rapporto di collaborazione con uno specifico datore di lavoro o con dei clienti. In poche parole quindi tutti i lavoratori subordinati (a tempo determinato, indeterminato, full time ed anche part time, turnisti ecc) e tutti i lavoratori non subordinati (come collaboratori esterni).

Per l’azienda i vincoli sono:

  • La presenza di un contratto
  • Dare i buoni pasto a categorie omogenee di lavoratori o in alternativa a tutti quanti.

Da queste categorie che ne hanno diritto possiamo dunque estrapolare chi invece non ne ha diritto:

  • La forza lavoro in cassa integrazione;
  • I lavoratori assenti dal luogo di lavoro per una giornata intera;
  • I subordinati in sciopero;
  • I dipendenti in ferie o in malattia.
banner buoni pasto day

Casi particolari nella normativa buoni pasto

Rendiamo conto ora di una serie di casi particolari:

  • Buoni pasto e lavoratori part time
  • Buoni pasto e smart working
  • Buoni pasto e partita iva
  • Buoni pasto e tirocini/stage

Tra le eccezioni appena elencate, troviamo i lavoratori con un contratto part time. Se è vero che questa tipologia di dipendenti può ricevere i buoni pasto, è anche vero che ci sono delle regole da rispettare e dei cavilli da menzionare.

Secondo la normativa vigente infatti i lavoratori in part time hanno diritto ai buoni pasto solo se il loro orario di lavoro comprende le pause concomitanti ai pasti principali oppure se la distanza casa-lavoro è così ampia che non permette al dipendente di rincasare in tempo per i pasti principali.

Smart work e buoni pasto

L’Agenzia delle Entrate ha stabilito che, se non ci sono altre limitazioni all’erogazione di buoni pasto, questi possano essere erogati indipendentemente dalle modalità della prestazione lavorativa. Quindi anche i dipendenti in smart working possono ricevere i ticket restaurant per la loro spesa o per l’acquisto di pasti pronti da consumare in casa.

Con la pandemia che tutt’oggi modifica le vite di tutti e soprattutto dei lavoratori, assicurare i buoni pasto alla propria forza lavoro è un impegno morale che i datori di lavoro dovrebbero assumersi.

banner buoni pasto yes ticket

Ditte individuali e Partita IVA buoni pasto: la normativa 2021

I ticket restaurant non sono disponibili solo per aziende, infatti anche i possessori di Partita IVA e anche le Ditte Individuali hanno la possibilità di richiedere i buoni pasto.

Anche per queste categorie ci sono dei vantaggi fiscali notevoli. Il 75% dei costi per alimenti, spesa e pasti pronti può essere detratto con l’IVA al 10% e per un massimo del 2% del fatturato.

Inoltre, a seconda della società emittrice di buoni pasto, il libero professionista e il titolare della Ditta Individuale saranno messi in grado di decidere il loro valore e il numero dei buoni pasto comprati.

Altri vantaggi dei buoni pasto elettronici per liberi professionisti e ditte individuali:

  1. Ottimizzazione della gestione amministrativa
  2. Fattura unica
  3. Semplicità nell’uso
  4. Flessibilità nella scelta

Per quanto riguarda le Partite IVA e la loro possibilità di comprare i buoni pasto con gli sgravi fiscali di cui parlavamo sopra, bisogna stare attenti al tipo di regime in cui si è.

Buoni Pasto Elettronici e Partita IVA in regime forfettario

I liberi professionisti che sono in regime forfettario non hanno diritto agli sgravi fiscali sui buoni pasto. Secondo la normativa vigente infatti le partite iva in regime forfettario non possono scaricare i costi aziendali.

Buoni Pasto Elettronici e Partita IVA in regime ordinario

I Buoni Pasto Elettronici invece sono disponibili con le agevolazioni fiscali per i possessori di P.IVA con regime ordinario. L’IVA al 10% è detraibile e si può dedurre il 75% delle spese per gli alimenti e per i pasti pronti fino ad un massimo del 2% del fatturato.
banner ticket restaurant

Buoni pasto stage e apprendistato: i buoni pasto spettano anche agli stagisti?

I Buoni pasto sono defiscalizzati per azienda e lavoratori quando esiste un contratto. Per quanto riguarda stage e tirocini, pur non essendo un rapporto di lavoro subordinato, esistono dei contratti stabiliti su progetti formativi.

I buoni pasto quindi sono defiscalizzati anche per i lavoratori con contratti di stage o apprendistato.

Anzi, molte aziende decidono di erogare buoni pasto ai propri stagisti per rendere più sostenibili questi tipi di contratti di formazione in azienda. I benefit per la pausa pranzo sono molto ambiti dai più giovani e risultano quindi per le aziende un’ottima strategia di employee retention (leggi 7 strategie vincenti per aumentare l’Employee Retention) e di talent acquisition.

Detrazioni Buoni Pasto: tutta la normativa

Detrazioni Buoni Pasto: tutta la normativa

Scopri come funziona la deducibilità sui buoni pasto per aziende, ditte individuali e possessori di p.iva

Le detrazioni buoni pasto sono il principale vantaggio di questi voucher e in questo articolo esploreremo la normativa vigente. Specifichiamo che i buoni pasto sono dei voucher deducibili e con una tassazione agevolata. I ticket restaurant servono alle aziende, alle ditte individuali e ai possessori di p.iva per rimpiazzare il servizio di mensa o per comprare pasti pronti e generi alimentari detraendo le tasse.

Se stai cercando dei fornitori leader di mercato e vorresti un preventivo gratuito visita “i migliori fornitori di buoni pasto”.

Normativa sulle detrazioni buoni pasto 2021

Per quanto riguarda la normativa vigente sulla deducibilità dei buoni pasto bisogna citare alcune fonti.

Il primo è l’Articolo 51 del T.U.I.R, cioè il Testo Unico delle Imposte sui Redditi; tale articolo regola il massimale di esenzione dei ticket restaurant.

Il secondo invece è il Decreto n. 122 del 7/06/17; tale decreto invece ha al suo interno:

  • le indicazioni sulla relazione tra chi eroga i buoni pasto e gli esercenti convenzionati che erogano il servizio sostitutivo di mensa;
  • le differenze in materia fiscale tra il buono pasto cartaceo e il buono pasto elettronico;
  • stabilisce le categorie di lavoratori che hanno il diritto a ricevere i ticket restaurant.

Infine da citare i CCNL, cioè i Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro che definiscono se i datori di lavoro sono obbligati o no ad erogare buoni pasto ai lavoratori con quel particolare CCNL.

Seguendo gli aggiornamenti fatti con la Manovra di Bilancio 2020 e ancora validi nel 2021 troviamo una variazione nelle soglie di deducibilità dei ticket:

  • I buoni pasto cartacei hanno subito una diminuzione della soglia: da 5,29€ a 4€.
  • I buoni pasto elettronici hanno subito un aumento della soglia: da 7€ a 8€.
Le suddette normative valgono per qualunque impresa, sia per le PMI che per le grandi multinazionali. Per quanto riguarda invece le imprese individuali e i liberi professionisti, ci sono dei cavilli da prendere in considerazione se si vuole davvero avere un’idea della deducibilità dei buoni pasto e se conviene comprarli.

Nei prossimi paragrafi andremo nel dettaglio dei vantaggi fiscali per ognuna delle categorie sopra menzionate.

Detrazione Buoni Pasto: IRES, IRAP e IRPEF

Con i buoni pasto si possono dedurre le spese ai fini delle imposte dirette: IRAP/IRES/IRPES. Tale deducibilità dipende dalla collocazione nel bilancio di tali spese: al fine della deducibilità i costi vanno inseriti nella voce B.7 “Costi per servizi”.

In ogni caso bisogna che i datori di lavoro/liberi professionisti/ditte individuali stiano attenti alla tipologia dei buoni pasto emessi ed erogati. Infatti a seconda della tipologia (cartacei/elettronici) ci sono diversi massimali di esenzione. Se si dovesse uscire da le cifre stabilite, l’eccedenza sarebbe tassabile secondo il regime fiscale ordinario perché concorrerebbe a formare reddito da lavoro dipendente.

Buoni pasto vantaggi fiscali per aziende

Per le aziende erogare buoni pasto ai dipendenti significa risparmio sui costi del personale. Anche per i dipendenti ci sono enormi vantaggi fiscali. Abbiamo già evidenziato la legge in materia. Riassumendo:

  • 100% di detraibilità sul costo dei buoni pasto.
  • IVA al 4%.
  • Esenzione da oneri previdenziali.

Per quanto riguarda a chi possono essere erogati i buoni pasto, troviamo che tutti i lavoratori (dipendenti full time, part-time, dirigenti, collaboratori) possono ricevere i ticket restaurant.

Alcune regole in più si applicano per i dipendenti part-time. Infatti per questa categoria la normativa prevede che si possano erogare buoni pasto solo se il loro orario di lavoro coincide con le pause fatte per i pasti principali.

Tickets Restaurant Edenred: scopri come funzionano

Buoni pasto vantaggi fiscali per ditte individuali

Erogare buoni pasto non è conveniente solo per le aziende. Anche le ditte individuali infatti possono risparmiare molto prendendo i ticket restaurant per il loro business.

In questo caso però non sarà possibile usufruire dell’IVA al 4% ed anche le pratiche amministrative subiscono un cambiamento nella modalità di deduzione.

Per chi non ha dipendenti quindi la normativa segue i seguenti atti:

  • Legge 6 agosto 2008, n. 133
  • Circolare n 53/e del 5 settembre 2008
  • Circolare n° 6/e del 3 marzo 2009

In sostanza si prevede che si possa detrarre il 75% dei costi e totalmente IVA anche se al 10% come da d. l.  112/2008, art. 83, comma 28 bis (e non al 4% come avviene per le aziende) fino ad un massimo uguale al 2% del fatturato totale.

Buoni pasto vantaggi fiscali per possessori di p.iva

Per i possessori di p.iva la legislazione è più o meno uguale e segue gli stessi atti di cui sopra. Anche in questo caso infatti si prevede la detrazione dell’IVA (al 10% e non al 4%) e il 75% delle spese sul 2% del fatturato.

Differenziamo però in questo caso tra i due regimi (ordinario e forfettario) di p.iva.

Detrazioni Buoni Pasto per p.iva a regime forfettario

I possessori di p.iva a regime forfettario non possono scaricare le spese che sostengono per il loro business. Ciò comprende i buoni pasto, ma anche il costo del carburante. Le p.iva forfettarie per legge possono detrarre solo i contributi previdenziali.

Scegliere questo tipo di regime è sicuramente conveniente per tutta una serie di facilitazioni, ma per quanto riguarda i buoni pasto non è possibile detrarre il loro costo.

Detrazioni Buoni Pasto per p.iva a regime ordinario

In questo caso invece valgono tutte le norme di cui sopra e tutti i massimali di esenzione già elencati. Quindi per i possessori di una partita iva in regime ordinario prendere i buoni pasto è un’azione conveniente.
Per scoprire i migliori fornitori leggi “I migliori fornitori di buoni pasto”.

Pausa pranzo: 2 soluzioni per far risparmiare la tua azienda

Pausa pranzo: 2 soluzioni per far risparmiare la tua azienda

La pausa pranzo è un momento molto importante della giornata lavorativa. Permette sia ai dipendenti, sia ai dirigenti, sia ai lavoratori indipendenti di riposare, staccare e affrontare la seconda parte del giorno con nuova energia e nuove idee.

Ma per i titolari e per i datori di lavoro di piccole e medie imprese si presenta un dilemma riguardante la pausa pranzo: come riuscire con budget ristretti a soddisfare le esigenze alimentari dei propri dipendenti?

Nei prossimi paragrafi ti spiegheremo come risparmiare sulla pausa pranzo dei tuoi dipendenti e allo stesso tempo accontentare tutte le loro richieste e necessità migliorando il loro work-life balance e quindi la loro produttività.

Perché un datore di lavoro dovrebbe prestare attenzione alla pausa pranzo dei dipendenti?

L’alimentazione è fondamentale per il benessere sia fisico che mentale. Mangiare velocemente e pasti non sani però non ha effetti negativi solo sulla salute del lavoratore ma anche sulla sua motivazione e sulla sua produttività.

Tenendo abitudini alimentari scorrette si incorre in rischi non indifferenti. Ad esempio la riduzione dell’attenzione, una maggiore propensione agli errori e una minore disposizione al compromesso con i colleghi. In generale, una buona pausa pranzo può migliorare decisamente le performance dei dipendenti.

Per questo motivo i datori di lavoro, e tutte le figure responsabili del personale all’interno di un’azienda, dovrebbero prestare massima attenzione ad appagare se stessi e i propri lavoratori per quanto riguarda la pausa pranzo, gli snack e in generale l’alimentazione.

Ovviamente, come accennavamo, i dirigenti devono considerare anche il budget. Per conciliare queste necessità ci sono alcune soluzioni defiscalizzate tra cui è possibile scegliere e che è bene conoscere.

Continua a leggere per 2 alternative sane per la pausa pranzo che ti faranno risparmiare e scrivici a toppartners.it per i preventivi gratuiti.

Una pausa pranzo all’insegna del risparmio e del cibo sano con il distributore automatico Foorban

Foorban Fridge è un innovativo distributore automatico di pasti pronti e snack sani ma allo stesso tempo gustosi e convenienti.

L’offerta comprende l’installazione di un frigo in ufficio a cui tutti i lavoratori avranno accesso tramite un QR code. All’interno del frigo ogni settimana si trovano pasti completi diversi formulati e preparati da chef nutrizionisti.

Questa opzione riesce a soddisfare anche i palati più esigenti e tutti i tipi di diete. Per questo motivo può essere anche un’ottima soluzione da offrire ad eventuali clienti che si trovano in ufficio durante il momento del pranzo.

Foorban è caratterizzato da:

  • Qualità: tutti i piatti di Foorban sono cucinati con ingredienti di qualità e rispettando i principi di una sana alimentazione. I piatti unici che si possono acquistare quindi sono sempre pensati secondo stagionalità, freschezza e gustosità.
  • Sostenibilità: Foorban inoltre si impegna per rendere sostenibili tutti i suoi piatti. Infatti il packaging è totalmente riciclabile o addirittura compostabile. In più, per contrastare lo spreco di alimenti, Foorban ha stretto collaborazioni importanti con Too Good To Go e dona le rimanenze al Banco Alimentare. Scegliere Foorban significa anche migliorare sensibilmente l’immagine aziendale e ridurre l’impatto ambientale dell’azienda.

I buoni pasto per una pausa pranzo defiscalizzata

Quando l’azienda non è tenuta ad avere una mensa interna, una delle opzioni che si presenta ai datori di lavoro è l’erogazione di buoni pasto. Questi sono dei voucher che permettono ai lavoratori di comprare pasti veloci o generi alimentari in supermercati, bar, ristoranti ed altri esercenti convenzionati.

Erogare buoni pasto per un’azienda significa prima di tutto un alto tasso di soddisfazione dei lavoratori. I buoni pasto infatti sono tra i benefit più richiesti e più apprezzati proprio per la loro flessibilità. Secondariamente non bisogna sottovalutare l’aspetto economico. Questi voucher sono infatti soggetti ad una tassazione di favore non essendo considerati come reddito da lavoro dipendente ma solo un’integrazione ad esso.

Di seguito i limiti e le regole sulla defiscalizzazione dei buoni pasto per aziende e possessori di Partita IVA:

Per le imprese:

  • Totalmente deducibili
  • Iva a 4%

Per i liberi professionisti:

  • Iva al 10% e detraibile
  • Fino ad un massimale del 2% del fatturato, si ha la possibilità di scaricare fino al 75% delle spese.

Per saperne di più sulla tassazione dei buoni pasto leggi “Come risparmiare con i buoni pasto”.

Ma tra i tantissimi fornitori di buoni pasto trovare quello che fa al caso della propria impresa potrebbe essere una sfida. Ti forniamo di seguito tre dei migliori distributori di buoni pasto sul mercato.

Pausa pranzo con i Day Buoni Pasto

La prima soluzione sono i Day Buoni Pasto. Erogati da Up Day, questi voucher sono tra i più diffusi grazie alla loro alta spendibilità: sono infatti accettati in oltre 110.000 esercenti sparsi per tutto il territorio italiano.

Pausa pranzo con i Ticket Restaurant Edenred

Un’altra valida soluzione potrebbe essere quella di scegliere il leader di mercato Edenred che propone i famosi Ticket Restaurant. Questi sono spendibili in oltre 150.000 esercenti e godono di grande fama per essere tra i più affidabili.

Pausa pranzo con gli Yes Ticket

In ultima istanza presentiamo i buoni pasto del fornitore Yes Ticket. Nonostante sia una compagnia più recente, si sono guadagnati la loro fetta di mercato velocemente grazie alle moderne tecniche di antifalsificazione che implementano.

I migliori buoni pasto: scopri i massimali di esenzione

I migliori buoni pasto: scopri i massimali di esenzione

Sei un titolare d’azienda o un possessore di partita IVA? Vuoi risparmiare, ma allo stesso tempo erogare servizi utili in grado di migliorare il clima aziendale e la produttività di lavoratori e collaboratori? Scopri i migliori buoni pasto.

Scopri la normativa fiscale dei buoni pasto ad essi collegata. Come sono gestiti da un punto di vista legislativo? Quali vantaggi garantiscono? Leggi di più nei prossimi paragrafi.

I migliori buoni pasto: fringe benefit o flexible benefit?

I buoni pasto sono considerabili come una forma di fringe benefit, sono cioè delle integrazioni aggiuntive al reddito base del singolo lavoratore. Per questo motivo, se il loro importo non supera le soglie prescritte dalla legge, i buoni sono esenti da tasse. Nel caso in cui questo importo invece superi la soglia prescritta, la differenza sarà aggiunta nella busta paga del lavoratore che sarà chiamato a pagare imposte e contributi relativi.

I fringe benefit però non sono gli unici benefit che i datori di lavoro possono erogare. Un’altra categoria sono i flexible benefit. Questi sono, diversamente dai fringe benefit, totalmente esenti da tasse e contributi. Tale defiscalizzazione deriva dal fatto che vengono considerati come complementari al reddito e non un’integrazione.

Le caratteristiche dei migliori buoni pasto

I buoni pasto sono dei voucher che integrano il reddito dei dipendenti. Questi pertanto sono un’agevolazione in quanto aumentano il potere d’acquisto dei lavoratori e non incidono sulle casse dei titolari e delle aziende. In parole povere, un titolare che eroga buoni pasto ai propri dipendenti potrà ottenere un risparmio di più o meno il 45% sulle spese per i propri dipendenti e collaboratori.

Per quanto riguarda chi può riceverli, hanno diritto a questo fringe benefit tutti coloro che sono dipendenti full time o part time. Inoltre sono inclusi anche i possessori di P.IVA. Di solito ad ogni dipendente spetta un buono pasto per ogni giorno lavorato.

Spontaneamente, data la recente pandemia, nasce la domanda: e se i miei dipendenti sono in smart working? Nessun problema, la legge prevede che i buoni pasto siano erogati anche a tutti coloro che adottano la formula di lavoro agile “da casa”.

I migliori buoni pasto: la normativa che regola la tassazione

Essendo i buoni pasto considerabili come dei fringe benefit, questi seguono le regole di tassazione descritte precedentemente. Se non superano la soglia prescritta dalla legge italiana quindi, i migliori buoni pasto si rivelano totalmente esentasse, in caso contrario questi vengono inseriti nel reddito del lavoratore e perciò tassati regolarmente.

Per quanto riguarda le soglie massime entro le quali i ticket rimangono esentasse, nel 2021 sono queste:

  1. Per i voucher cartacei la soglia è stabilita a 4 euro.
  2. Per i voucher elettronici la soglia è stabilita a 8 euro.

I buoni pasto nascono nel formato cartaceo, tuttavia dal 2012 i ticket restaurant elettronici stanno prendendo il sopravvento. Ciò è tale per svariati motivi. Uno di questi è deducibile con un primo sguardo alla tabella precedente. I migliori buoni pasto elettronici risultano quindi essere la versione più incentivata dal governo italiano e la più defiscalizzata, grazie ad un massimale più elevato e dunque una migliore spendibilità.

Tale decisione ha le sue radici nella volontà di rendere le aziende italiane più trasparenti e sempre più digitali. La digitalizzazione è infatti un punto chiave del progresso e usare metodi di pagamento elettronici e tracciabili è decisamente un passo verso questa direzione.

La storia dei primi e migliori buoni pasto

Correva l’anno 1954 quando delle aziende locate in Gran Bretagna decisero di utilizzare per la prima volta i buoni pasto. Pagare con dei biglietti di carta che non fossero moneta corrente per quel tempo deve essere stata una vera rivoluzione innovativa, infatti anche John R. Hack si incuriosì.

Quest’uomo d’affari inglese farà la storia perché fonderà una delle prime società di buoni pasto: la “Luncheon Vouchers Ltd” che aprì nel 1955 e che divenne poi nel 1999 “Accor Services”. L’intuizione fu geniale considerate anche le condizioni socio-economiche del Regno Unito nel secondo dopo guerra. Le aziende facevano fatica a pagare i loro dipendenti e usufruire dei servizi dell’allora Luncheon Vouchers Ltd era sicuramente un modo per aiutare i lavoratori a sbarcare il lunario.

Il sistema di questi biglietti di carta per il pranzo fu talmente di successo che il governo inglese decise di defiscalizzarli. In questo modo si creò un vero e proprio business intorno ai buoni pasto. Infatti alla fine del 1957, cioè solo 3 anni dopo la fondazione della Luncheon Vouchers Ltd, le aziende inglesi che li usavano erano più che raddoppiate: da 3500 a 8000.

La storia dei migliori buoni pasto in Italia

In Italia invece i ticket per la pausa pranzo arrivano con una ventina di anni di ritardo rispetto al Regno Unito. Iniziano infatti a diffondersi verso la metà degli anni Settanta. Come in altri paesi, questi buoni hanno riscosso immediatamente un grande successo e ad oggi quasi la metà di dipendenti totali (11 milioni) li riceve e li usa per mangiare fuori durante la pausa pranzo o per fare la spesa.